Segnala questo sito ad un amico Fai di Adriatic-sea la tua Home Page Aggiungi Preferiti Stampa questa pagina 
           
 
italyflag.gif (7831 byte)britishflag.gif (9686 byte)germanflag.gif (6546 byte)frenchflag.gif (7673 byte) flagrussia_ani.gif (6147 byte)
 IT    EN    DE    FR    DK    S     RU   RO

 

 
INFOTURISMO
   Home
E-mail
Hotel Argentina
Hotel Conchiglia
Baby Park
Offerte
Sport
Newsletter
Calendario pdf
Prezzi 2007 pdf
 
 
POSTA ON-LINE
Cartoline
Auguri
Calendario
Prezzi 2007
 
 
APPUNTAMENTI
Senigallia by Nigth
Caterraduno
Summer Jamboree
Fiera di Senigallia
Panenostrum
Halloween
Fiera di Ancona
 
 
ESCURSIONI
Senigallia
Marche
Grotte di Frasassi
Tour
CittÓ
Borghi 
Castelli
Parchi naturali
 
 
ENOGASTRONOMIA
Ristoranti
Vini
Prodotti tipici
 
 
COLLEGAMENTI
Siamo qui
Auto
Bus
Treno
Aeroporti
Porto di Ancona
 
 
DOVE SIAMO
Siamo Qui
Marche
Mappa Senigallia
Strade
Satellite
 
 
FLY & DRIVE
Fly & Drive in Low Cost
Itinerari
Volo - Low Cost
Auto
 

Download

Download Skype

Il software per telefonare gratis, tramite il computer.

area riservata

  Senigallia - La storia

Close window

   
English version 
Deutch vertion

Latitudine: 43░ 42′ 37′′ N
Longitudine: 13░ 13′ 3′′ E

animbullet.gif (966 byte) Senigallia
animbullet.gif (966 byte) Spiaggia
animbullet.gif (966 byte) Storia
animbullet.gif (966 byte) Album Fotografico 
animbullet.gif (966 byte) Palazzetto Baviera 
animbullet.gif (966 byte) Rocca Roveresca
animbullet.gif (966 byte) Portici Ercolani  
animbullet.gif (966 byte) Foro Annonario   
animbullet.gif (966 byte) Chiesa della Croce 
animbullet.gif (966 byte) Convento Grazzie 
 
animbullet.gif (966 byte) Oltre Senigallia 
 

 

 

 

 

La Rocca Roveresca: il primo nucleo f¨ costruito dai Romani come torre in protezione al porto, nel 1350 f¨ ingrandita e divenne la rocchetta del cardinale Albornoz, sotto il Ducato di Urbino f¨ ristrutturata due volte, la prima da Sigismondo Malatesta nel 1450, poi dai Della Rovere,

 

che originari di Senigallia costruirono qui la pi¨ bella tra le fortezze che difendevano i confini del ducato. L'interno sorprende per l'armoniosa, pacata aria rinascimentale degli ambienti destinati normalmente agli uffici del Duca.  Il Palazzetto Baviera: sito nella Piazza del Duca affianco alla Rocca Roveresca f¨ dal 1474 (anno di inizio della Signoria dei Della Rovere) abitata da Giovanni Giacomo Baviera, parente del Duca, che restauro una preesistente casa del Trecento. Gli stucchi delle cinque sale del piano superiore sono stati realizzati da Federico Branbani nel 1560 e raccontano scene del vecchio testamento,le Fatiche di Ercole, episodi della guerra di Troia, la Roma Repubblicana e della Roma imperiale. Piazza del Duca: circondata dalla Rocca Roveresca, dal Palazzetto Baviera e dal Palazzo del Duca (che come racconta il Macchiavelli nel suo libro pi¨ famoso "Il Principe" f¨ scena della cena della notte di S. Valentino, in cui il Valentino, a cui il libro Ŕ dedicato, e stermin˛ tutti i suoi commensali, signori delle varie Signorie del centro Italia), spostata lateralmente dal centro della piazza sorge la Fontana delle Oche (ora Fontana dei Leoni) voluta da Francesco Maria II Della Rovere nel 1599 con intento celebrativo per ricordare la conclusione dei lavori di bonifica delle "saline", zona paludosa e tragicamente malarica a sud della cittÓ, e la costruzione dell'acquedotto.   Portici Ercolani: monumentali arcate in marmo bianco che sorgono sulla riva destra del Fiume Misa, un tempo sede di rappresentanze dei mercanti stranieri che un tempo usavano il porto di Senigallia per gli scambi commerciali con lo Stato Pontificio (nella prima metÓ del XIX sec. per Senigallia passava il 40% delle merci importate dallo Stato Pontificio, quasi tutte nel periodo della Fiera che durava per tutta l'estate).  Foro Annonario: imponente testimonianza del neo classico marchigiano,costruito nel 1837, su disegno dell'architetto senigalliese Pietro Ghinelli, progettista di teatri,si sceglie di costruire questo manufatto, importante nell'estetica e nelle proporzioni per il mercato alimentare della cittÓ e le sue infrastrutture: sotto il portico una serie di botteghe per lo pi¨ rivendite di carni, al centro la grande pescheria. Di recente restaurata Ŕ un luogo stupendo, quasi spazio teatrale.     

altri monumenti importanti sono: La chiesa della Croce, il Duomo, il Palazzo Comunale, Porta Lambertina, Palazzo Mastai luogo di nascita di Papa Pio IX, Chiesa delle Grazie.

                    Le origini

Recentissimi rinvenimenti archeologici testimoniano insediamenti neolitici di epoca precedente il V sec. a.C. L'invasione celtica e l'insediamento dei Galli Senoni, tra il V e IV sec. a.C. segna il passaggio a villaggio cittÓ difesa. All'inizio del III sec. a.C. la conquista da parte dei Romani che ne fanno la prima colonia Romana sull'Adriatico, determina la trasformazione di Sena da villaggio a "Castrum" (presunto assetto quadrilatero, reticolo regolare della viabilitÓ, cinta muraria, vallum). Si pu˛ leggere ancora la struttura romana fino all'invasione delle truppe di Manfredi nel 1264 che, all'epoca e nei due secoli successivi, Ŕ completamente cancellata dalle devastazioni ma anche a causa delle sedimentazioni alluvionali del Misa. Dal XVI sec.a.C. all'unitÓ d'Italia Sinigaglia f¨ un importantissimo centro commerciale grazie al suo porto franco sede della famosa "fiera di Sinigaglia".

Dal Malatesta ai Della Rovere

 E' Sigismondo Pandolfo Malatesta, Signore di Fano e di Rimini, il primo signore della cittÓ. Ma quello che Sigismondo ottiene in concessione dalla Chiesa nel 1450 Ŕ un sito semidistrutto dalla lotte comunali, dalle incursioni saracene, spopolato da eccidi, inselvatichito per abbandono delle campagne. Restringendo il perimetro romano egli costruisce mura, baluardi e ripopola cittÓ. Nel 1462 egli perde la Signoria. Nel 1474 papa Sisto IV l'assegna in vicariato al nipote  Giovanni Della Rovere. Capitano di ventura come i suoi successori che saranno ora al servizi dei papi, della Serenissima, del re di Spagna, e insieme uomo del Rinascimento, egli rafforza le mura, fa costruire la Rocca, come d'altronde i tempi impongono: i Turchi sono in Adriatico. Egli dÓ inizio alla lunga e felice signoria dei Della Rovere, poi splendidi Signori di Urbino (+1501).  
Federico Malatesta
(Museo: Palazzo Ducale di Urbino)
                               Madonna di Senigallia
(Perugino / Museo: Palazzo Ducale di Urbino) 
 
 Gli succedono: Francesco Maria I (che diventa, nel 1508, per ereditÓ, Duca di Urbino)(+1538), Guidobaldo II (+1574), Francesco Maria II (+1631). Nel 1631 la cittÓ, porto commerciale pi¨ importante del Ducato, torna alla Chiesa fino all'unitÓ d'Italia.
 
 
 
 
   
Il centro storico 
   

   
 
   
   
   
   
   

 

 
Hotel Argentina ***
Tel. 071.7924665   
 Fax 071.7925414
E-mail info@hargentina.com    
chiamami con skype
Hotel Conchiglia ***
Tel. 071.7926894   
Fax 071.7925414
E-mail info@hargentina.com    
chiamami con skype

Prenota ora la tua vacanza in Adriatico, sulla splendida spiaggia di Velluto

Web www.adriatic-sea.com
www.hargentina.com www.hconchiglia.com